Progetto Street Food

Condividere il cibo è universalmente riconosciuto come una delle modalità  fondamentali per promuovere, stabilire e mantenere rapporti interpersonali. Velocità  di fruizione dei pasti e spazi poco adeguati riducono tuttavia sempre più le opportunità  di ritrovo attorno alla tavola.

E allora, come conciliare il senso di frenesia che caratterizza l’epoca attuale con il bisogno di un ritorno alla convivialità.

Nascono nuovi modelli, in luoghi diversi da quelli tradizionali: ad esempio, nelle aree urbane si mangia sempre più spesso per strada.

Il nostro lavoro è partito da un’analisi delle dimensioni assunte dallo street food in Italia, attraverso una mappatura dello scenario attuale e delle tendenze che caratterizzano domanda e offerta.

La cucina di strada della nostra penisola rappresenta un immenso patrimonio culturale: il cibo povero nato come necessità  ma che in seguito, attraverso il ‘genio italico’, si è trasformato in vera e propria arte culinaria. Lo street food, infatti, diventa anche gourmet, entrando nelle guide turistiche internazionali, in programmi televisivi di cucina e programmi di successo alla radio, per consigliare sui migliori punti di ristoro. Una realtà fortemente caratterizzata da un’utenza giovane che scambia velocemente informazioni e giudizi su blog e social network, contribuendo alla riscoperta di questo modo di mangiare e determina spesso il successo di un locale.

La proposta MagnoGusto

Abbiamo elaborato un concept innovativo che indirizzi verso lo sviluppo di nuove soluzioni per le persone in cerca di nuovi spazi di consumo, partendo dal presupposto che, in un periodo storico nel quale i rapporti umani e le relazioni tra individui tornano a essere obiettivi personali fondamentali, il tempo -ancora una volta- è una variabile essenziale.

Il progetto Street Food è un nuovo format di vendita al pubblico che, attraverso strutture fisse e mobili posizionate nei diversi centri funzionali (storici, universitari, turistici…) delle principali città  italiane, intende dare a questo problema una risposta gastronomica pratica, veloce, conveniente e di qualità .

A chi si rivolge?
Una clientela in movimento: studenti, lavoratori, viaggiatori, turisti.

Cosa offre?
Il meglio dello street food italiano: ricette autentiche, semplici, appaganti, legate alla tradizione ma con un’apertura all’innovazione e alla sperimentazione, attingendo alla grande esperienza maturata dai suoi creatori.

Nello scenario competitivo, risultano quali elementi di differenziazione:

  • il consumo veloce e informale del cibo per strada, che diventa consumo consapevole;
  • offerta di una varietà  ampia di specialità  tipiche regionali -italiane e non- legate comunque a un singolo territorio di riferimento, in ottica di sua valorizzazione;
  • la garanzia di offrire in tutte le location presidiate identici standard qualitativi, di igiene e di convenienza.

Per la realizzazione di questo progetto, dopo aver definito il format e formalizzato un business plan dettagliato, si è provveduto innazitutto a realizzare un road show per reperire i potenziali investitori. I passi successivamente realizzati:

  • costituzione di una società  di capitali
  • selezione dei fornitori
  • creazione di brand e logo della società
  •  costruzione del sito web e definizione di una strategia digital
  • avvio delle attività  di costruzione e allestimento dei locali
  • definizione dei progetti di urbanizzazione
  • selezione e formazione del personale.